Mercoledì 21 Agosto 2019
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
  • Il Comune
  • Le Pubblicazioni
  • La Modulistica
  • Attività Comunali
Agosto 2019
D L M M G V S
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
campagna di autocompostaggio

Città in Ordine - Segnala un problema di degrado urbano




Rilevazione del grado di soddisfazione del cittadino

Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

  • Spazi pubblicitari

Progetto di attività INFERMIERISTICA AMBULATORIALE a favore della popolazione di Sostegno Comune di Sostegno - servizio Free Wi-Fi Museo del Bramaterra - 2016 Contattaci per informazioni Contattaci per informazioni Contattaci per informazioni

Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico

Notizie

" La cava?


Un'opportunità "



In paese scoppia la polemica: amministratori e cittadini bocciano la riapertura. La parola all'ex sindaco Vigna: "Il progetto risale al 2007. Ora vi spiego di cosa si tratta"

Sostegno - 19/11/2015


I cittadini di Sostegno lo hanno detto chiaramente: la cava di Asei non deve tornare in attività. Un parere condiviso anche dagli amministratori che sull'argomento hanno organizzato un incontro pubblico la scorsa settimana. A guidare il fronte del "no" il sindaco Giuseppe Framorando che non intende dare spiegazioni sul progetto al telefono. Chiara invece la posizione dell'ex sindaco, ora capogruppo di minoranza,  Danila Vigna che l'iter lo ha seguito fin dal suo inizio. "Il progetto relativo alla riapertura della cava di Asei risale al 2007 quando ancora non ero stata eletta sindaco. La ditta Ital Argille venne a chiedere di poter riaprire il sito un tempo fonte di posti di lavoro per l'intera zona. La ditta ebbe il via libera da Regione e Provincia e inizió le pratiche per l'acquisizione dei terreni". L'amministrazione Vigna, una volta insediata, si ritrovó a dover gestire il progetto che si bloccó a causa dei tempi necessari all'acquisto di tutti gli appezzamenti attualmente ceduti dai proprietari. "Fummo convocati in Regione e parlammo con l'azienda di compensazioni. Chiedemmo di ripulire il sito, tutt'oggi diventato una discarica a cielo aperto, di riqualificare l'area rimettendo a posto le rotaie dei vecchi carrellini e la casa del custode al fine di far diventare l'area un sito di interesse culturale e storico. Non solo, eravamo arrivati all'accordo che, la Ital Argille, avrebbe realizzato una palestra di roccia che sarebbe andata  in gestione ad un'associazione sportiva del territorio". Non solo, l'azienda si sarebbe occupata della piantumazione di alberi e della manutenzione della strada provinciale che porta alla cava. "Ai tempi chiesi anche dei pareri tecnici a geologi ed ingegneri della zona che mi diedero il loro parere positivo all'opera anche se, la decisione, era già stata presa. Anche dal punto di vista ambientale feci i miei accertamenti andando a visitare una cava simile gestita dalla stessa azienda a Maggiora. Risultato? Zero rumore e polvere. Parlai addirittura con un allevatore che viveva a poche centinaia di metri e che non aveva mai avuto problemi. Capisco che si tratti di una decisione subita e non presa direttamente dall'amministrazione che puó avere le sue idee in merito ma, in paese, è scoppiato il panico. Credo che sarebbe stato più opportuno presentare la cosa in modo diverso al fine di evitare sterili polemiche e pure infondate dato che l'attività non danneggerà il territorio. Del resto, a Sostegno le cave ci sono sempre state".


e.r


fonte: BiellaCronaca



© 2014 Comune di SOSTEGNO - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI SOSTEGNO
Corso Cesare Alfieri, 65 - 13868 (BI)
Tel. 015 76 29 03
Fax 015 76 29 68
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 096064
Codice catastale: I868
Codice fiscale:
82002270021
Partita IVA:
00483690020
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 65 H 05034 44310 000000089070
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento