Mercoledì 21 Agosto 2019
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
  • Il Comune
  • Le Pubblicazioni
  • La Modulistica
  • Attività Comunali
Agosto 2019
D L M M G V S
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
campagna di autocompostaggio

Città in Ordine - Segnala un problema di degrado urbano




Rilevazione del grado di soddisfazione del cittadino

Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

  • Spazi pubblicitari

Progetto di attività INFERMIERISTICA AMBULATORIALE a favore della popolazione di Sostegno Comune di Sostegno - servizio Free Wi-Fi Museo del Bramaterra - 2016 Contattaci per informazioni Contattaci per informazioni Contattaci per informazioni

Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico

Notizie

Primo round ai cittadini: il Tar blocca la nuova cava di Sostegno


Adesso si tratta di ripresentare il progetto

Articolo pubblicato il 04-11-2016 alle ore 20:09:52


In merito alla cava di Asei, a Sostegno, è stato accolto il ricorso presentato al Tar da alcuni frazionisti. Adesso si tratta di ripresentare il progetto con tanto di richiesta della Valutazione di impatto ambientale. L’attuale amministrazione del sindaco Giuseppe Framorando si era ritrovata il progetto tra le mani ormai alle fasi conclusive, ma erano stati i residenti di Asei e delle frazioni vicine a opporsi e presentare ricorso. «L’ultima novità - spiega il vice sindaco Leonardo Fasanino - è questa: è arrivata la sentenza da parte del Tar che ha sottolineato la necessità di avviare prima di tutto una Valutazione di impatto ambientale».

Tutto ruota attorno alla concessione: l’azienda Italargille aveva ottenuto il via libera dallo Sportello unico delle attività produttive, ma per i ricorrenti questo non è sufficiente: serviva anche il decreto della Valutazione di impatto ambientale, che non era previsto dalla legge quando il progetto è stato presentato in quanto si tratterebbe di una piccola cava di estrazione (si parla di circa 20mila metri quadrati). La pratica è partita nel 2011, poi il procedimento tecnico si è chiuso nella primavera del 2013 con l’approvazione da parte di Regione, Provincia di Biella e Comunità montana. Nel 2014 Italargille aveva chiesto di completare la procedura. La nuova amministrazione del sindaco Framorando aveva cercato di opporsi chiedendo al Suap di riaprire l’iter, ma ormai la procedura si era conclusa.

Ci ha pensato il tribunale amministrativo a rimettere tutto il discorso in discussione. «Ora la pratica passa nelle mani nuovamente dell’Unione montana - spiega Fasanino -. In pratica, l’azienda se vuole davvero andare avanti nel progetto deve presentare anche i documenti relativi alla Via. Le ragioni dei ricorrenti sono state quindi accolte».

Inizialmente il progetto era partito in seguito all’avvio della Pedemontana biellese: poi, visto che la mega opera stradale si è fermata, anche l’idea della cava era stata messa in un cassetto in attesa di tempi migliori. Nel frattempo peró la società aveva proceduto ad acquistare una serie di terreni da diversi proprietari su cui nelle loro intenzioni dovrebbe sorgere la nuova cava per una superficie totale attorno ai 20mila metri quadrati, e dalla Regione era già arrivato il via libera all’operazione. A distanza di anni e con il ricorso del Tar accolto è tutto da rifare. C’è ancora la possibilità di fare appello oppure di procedere con la richiesta di autorizzazione presentando i documenti relativi alla valutazione di impatto ambientale.


Fonte: NotiziaOggi




© 2014 Comune di SOSTEGNO - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI SOSTEGNO
Corso Cesare Alfieri, 65 - 13868 (BI)
Tel. 015 76 29 03
Fax 015 76 29 68
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 096064
Codice catastale: I868
Codice fiscale:
82002270021
Partita IVA:
00483690020
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 65 H 05034 44310 000000089070
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento